Scrivere e disporre i contenuti per il web

Questo articolo verrà rilasciato in più parti e suddiviso in più giorni. Ecco l’elenco dei capitoli che tratterà:

1. Criteri di raccolta delle informazioni e Scrivere per il web
2. Il linguaggio da utilizzare e Come rivolgersi all’utente
3. La correzione del testo e Organizzazione interna delle pagine web
4. Intestazione di pagina
5. I segnali di riconoscimento e Strutturare la pagina
6. Densità dei contenuti e Il maiuscolo e gli allineamenti
7. Lunghezza della pagina e Margini della pagina
8. Sfondi e colori e Formato dei caratteri
9. I titoli dei paragrafi e Conclusione

Vi lascio all’introduzione e vi invito a seguirlo nel prossimi giorni:

In questo articolo cercherò di analizzare quella che, a mio avviso, rappresenta la prima fase della creazione di un sito web: la progettazione dei contenuti.

L’errore comune di molti progettisti web è quello di adattare i contenuti all’aspetto grafico del sito.

In sostanza mi ripropongo di spiegare cosa scrivere in un sito e come scriverlo. Osservo che molto spesso progettisti web e aziende, anche molto affermate adottano metodi di realizzazione dei siti internet totalmente scorrette: partono da grafica e layout e solo successivamente inseriscono il contenuto. Paradossalmente operano un adattamento dei contenuti in funzione dell’aspetto grafico del sito che li contiene.
Eppure, quando visito un sito, sono interessato in primo luogo ai contenuti! Poi, forse, alla piacevolezza e alla funzionalità del layout. Non è forse così anche per te?
Ecco una prima basilare regola: prima ragionare sui contenuti e poi armonizzare layout e grafica in funzione di quelli!

I contenuti alla base della realizzazione del sito web.

Se deve esservi una qualche forma di subordinazione, allora devono essere grafica e navigabilità ad adattarsi al testo e non viceversa. Quest’ultima mia affermazione è tutt’altro che gratuita.

La ricerca Stanford-Poynter, iniziata nel 1998 e, credo, tuttora in corso, ha evidenziato che è proprio il testo ad essere fissato più a lungo dall’utente; e ciò per due ragioni molto semplici: la prima è che, nella fase di caricamento delle pagine html, il testo viene quasi sempre visualizzato prima degli elementi grafici e multimediali; la seconda risiede nel fatto che l’utente è interessato (com’è giusto che sia) in primo luogo ai contenuti testuali e poi alle altre componenti della pagina.

Prossimo capitolo:
1. Criteri di raccolta delle informazioni e Scrivere per il web

8 Comments