Produrre Contenuti di Qualità in larga scala – 3/3

Per creare e diffondere contenuti di qualità in larga scala è necessario pianificare la propria Content Strategy e iniziare a fare Content Marketing stabilendo con chiarezza i diversi step a garanzia della qualità. Qui assumono un ruolo fondamentale il processo di lavoro e gli innumerevoli tool utilizzabili nelle varie fasi di produzione e diffusione dei contenuti piuttosto che gli stratagemmi tecnici e l’abilità. Questa la sintesi del post di iPullRank di cui puoi leggere qui l'ultima parte tradotta per i lettori di WMTools.

Produrre Contenuti di Qualità in larga scala – Parte 3/3

La Qualità dei Contenuti fai da te

Capisco perfettamente che non sempre si lavora per grandi aziende con budget significativi a disposizione ma per fortuna è possibile scrivere, scaricare foto, realizzare fogli di lavoro per creare da sè contenuti di notevole qualità. Voglio segnalare qui di seguito alcuni tool utili a facilitare il lavoro, molti di questi saranno già familiari ad alcuni di voi.

* Infogram e PiktochartHanno già fatto il giro dello spazio SEO. Entrambi i tool consentono agli utenti di creare infografiche costruite su template con interfaccia drag e drop.

* Google Fusion Tables – Tool per la visualizzazione dati molto amato dai SEO. Google Fusion Tables consente agli utenti di visualizzare fogli di lavoro.

* iCharts – Simile a Google Fusion Tables, questo tool permette la creazione di visualizzazioni dati basati su spreadsheet e connette le fonti dati tramite API.

* Dipity – Permette di creare timeline interattive semplicemente caricando immagini e inserendo i testi. Le timeline possono essere incorporate all’interno di Landing Page.

dipity

* Storybird – Permette agli utenti di creare libri interattivi da asset già esistenti o caricando immagini e creando testi.

storybird

* Kuler – La coordinazione dei colori è è fondamentale per la creazione di bei contenuti ma molte persone, semplicemente, hanno un problema con la teoria dei colori. Non abbiate paura, Adobe Kuler permette ai creativi di condividere specifici schemi di colore da loro scelti e voi potrete scegliere tra questi lo schema più adatto all’aspetto grafico del contenuto che state creando.

* Adobe Edgefonts – Mentre il Web ha fatto notevoli passi nella direzione del miglioramento, ci sono ancora molti caratteri tipografici non ancora disponibili.  Adobe Typekit e Google Font API hanno una “creatura” chiamata Edgefonts che offre a tutti i designer un’ampia scelta tra diversi font di alta qualità.

Adobe edgefonts

* HackDesign – Ti starai chiedendo: “Non sono un designer, da dove comincio con tutta questa roba?”. Buona domanda! Hack Design è un corso di design gratuito che ogni settimana arriva sulla tua casella di posta e ti aiuta a comprendere i concetti fondamentali del design.

hackdesign

Un altro esempio di Workflow – Anche in questo caso è importante creare un workflow ripetibile per raggiungere i nostri risultati. Questo flusso di lavoro è simile a quello visto in precedenza ma in questo caso siamo noi in prima persona a creare contenuti usando una combinazione di Kuler, infogr.am e Storybird.

workflow-creazione contenuti

Nota: Non dimenticate di comunicare con i creativi! Non necessariamente noi marketer parliamo lo stesso linguaggio dei creativi e questo spesso si traduce in una disconnessione tra ciò ci aspettiamo e ciò che abbiamo chiesto ai nostri creativi. Vi consiglio di leggere il mio post ”  What it Takes to Get Remarkable Content Done” nel quale propongo una chiacchierata fatta con un direttore creativo con il quale lavoro a stretto contatto.

Formule per la Promozione dei Contenuti

Lo staff di BuzzStream ha scritto un e-book sulla promozione dei contenuti. Naturalmente la promozione (organica e non) richiede soldi e sforzi quindi vale la pena di leggere questo testo in cui viene suggerito un processo fantastico per farlo al meglio.

e-book sulla promozione dei contenuti

Quello che voglio sottolineare qui rispetto ai diversi contenuti proposti da Buzzstream, sono le formule suggerite per definire gli obiettivi, il budget necessario per le campagne a pagamento sui media e gli sforzi richiesti per fare link building con successo.

Nota: Riportiamo le formule così come indicate da Buzzstream.

* Formule per la determinare gli obiettivi: Determinate l’obiettivo dei vostri contenuti usando queste formule che si basano sul modo in cui hanno performato realmente i contenuti:

Download Goal = Goal Leads / Qualified Lead Rate
Visitor Goal = Download Goal / Conversion Rate

* Formule per determinare gli obiettivi in base alla spesa: Determinate che tipo di risultato potete ottenere dai vostri contenuti basandovi sulla spesa stabilita per ogni canale:

Views per Dollar = Views / Spend
Conversions per Dollar = Views per Dollar / Conversion Rate

* Formule per quantificare gli sforzi richiesti per il raggiungimento degli obiettivi: Determinate gli sforzi a vasto raggio necessari per raggiungere il vostro obiettivo di investimento, sulla base del tasso di risposta.

Outreach Target = Goal Links / Response (or Link) Rate
Initial List Length = Outreach Target / 20%

Per concludere

Fate un passo indietro e guardate alle vostre campagne di Content Marketing che non hanno raggiunto gli obiettivi sperati. Pensate a come i vostri obiettivi avrebbero potuto essere soddisfatti utilizzando delle migliori risorse per la creazione di contenuti di alta qualità o determinando con chiarezza i compiti da svolgere a garanzia della qualità. Pensate alle volte in cui ce l’avete semplicemente fatta invece di spendere un po’ di più per creare qualcosa che fosse davvero utile e utilizzabile dai vostri utenti. Queste sono alcune di quelle situazioni in cui la Content Strategy avrebbe dato la giusta spinta al vostro lavoro.

Per creare e diffondere contenuti di qualità in larga scala è necessario pianificare la propria strategia sui contenuti e iniziare a fare content marketing. Qui risultano di notevole importanza il processo di lavoro e le risorse utilizzabili nelle varie fasi piuttosto che gli stratagemmi tecnici e l’abilità. Il marketing migliore inizia con le esperienze migliori e le migliori esperienze iniziano con la Content Strategy! E ricordate che la Content Strategy può aiutare quotidianamente i brand, che siano di piccole, medie o grandi dimensioni.

 

Titolo originale del post “Scaling Quality Content” di iPullRank, pubblicato su Moz il 10 giugno 2014

No Comments

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.