IO NON CI STÒ

Questo signore dall’espressione soddisfatta è Ricardo Franco Levi, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega all’Editoria.Probabilmente, in questo momento è l’uomo più odiato sulla porzione italiana della rete, perche è il promotore della nuova Legge Levi-Prodi sull’Editoria approvata all’unanimità dal Consiglio dei Ministri lo scorso 12 ottobre e che dovrebbe essere discussa dalla Commissione Cultura della Camera la prossima settimana.QUAL’È IL PROBLEMA?

In parole povere, la proposta di legge, che è scaricabile integralmente dal link dice che chiunque pubblichi un sito Internet o un blog sarà obbligato ad iscriversi al ROC e a pagare l’iscrizione.

In parole povere, chi blogga paga.

Inaccettabile, dico io. Sia perché Internet è sempre stata libera da vincoli di qualunque genere, e anche se questa libertà a volte può risultare fastidiosa (leggi: spam), per me è sacra, sia perché, equiparando le attività individuali (ma anche aziendali) su Internet all’editoria tradizionale si sottopongono gli autori agli obblighi della stampa senza che ne abbiano i privilegi (vedi iscrizione all’albo, contributi governativi, ecc.), sia perché si crea un pericoloso precedente di controllo sull’esercizio della liberta intellettuale, che oltretutto è garantito dalla nostra costituzione.

Internet è da sempre un veicolo di democrazia, di pluralismo e di libertà e tale deve restare.

Avete presente quanto abbiamo fino ad ora criticato quegli stati che impongono il controllo sul Web? Beh, c’è il rischio che succeda anche da noi.

Io non ci sto. E voi? DITE LA VOSTRA, FATEVI SENTIRE ANCHE VOI LA VOSTRA VOCE

E, casualmente (?), la notizia arriva quasi contemporaneamente a quella della possibile chiusura della vergogna nazionale, quel sito che ho già definito “truffaitalia” in un mio vecchio post, un obbrobrio costato, pare, 50 milioni di Euro di soldi nostri e mai decollato.

Ecco i link per farvi liberamente una opinione sugli scopi e le conseguenze della legge, se venisse approvata così come è stata formulata.


Il Blog di Beppe Grillo


PRIMA COMUNICAZIONE


Ancora PRIMA COMUNICAZIONE


LilloPerri.com

5 Comments

  1. mi sembra che questo post sia già datato, considerato il fatto che il disegno di legge in questione (che quindi comunque avrebbe avuto un lungo iter davanti a se prima di poter diventare legge) sia di fatto già da considerarsi modificato.

  2. Sono stato uno dei sostenitori, nella mia zona, per Forza Italia quando il governo Berlusconi ha governato per cinque anni. Alle ultime elezioni ho votato Casini per la Camera e Berlusconi al Senato. Mi aspettavo il comportamento di un governo di sinistra e mi auguro che presto cada.
    Presto si profileranno nuove elezioni, spero, però si disciplina prima la legge elettorale e il tipo di governo si vuole. E’ bene per il Paese che ci siano due grossi blocchi come in tutti i grandi paesi emancipati.
    Sono profondamente deluso del governo Berluscono e davvero mi troverei in imbarazzo per quale coalizione votare.
    Questi i maggiori punti che segnano davvero la fine della democrazia anche per la sinistra con le ultime normative al riguardo.
    – mi riferisco in modo particolare al codice della strada, si è voluto strafare come nei peggiori regimi dittatoriali senza prendere la briga di voler risolvere davvero il problema, solo norme per introitare denaro e colpendo tutti indiscriminatamente;
    – Perché sulle strade tutte le forze di polizia contro gli automobilisti invece di usare una mobilitazione per controllare chi non paga le tasse, combattere la prostituzione, la droga e l’illegalità;
    – Mettere nuovamente l’equo canone e tassare chi ha più di un appartamento, costruire nuovi alloggi, dare spazio all’edilizia pubblica o incentivare coloro che desiderano costruirsi una casetta per proprio conto;
    – Eliminare l’ICI è una tassa iniqua ed incostituzionale;
    – Eliminare la tassa di possesso auto si paga troppo il carburante e le tasse di immatricolazioni, ecc.;
    – riportare i salari e soprattutto le pensioni ad un livello vivibile e a livello europeo.
    Se riuscisse a fare questo siamo tutti contenti e si vivrebbe con più giustizia e democrazia.
    Gradirei un Vs. intervento!
    Saluti Mario

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.