Esplora il Vulcano più alto d’Europa con Google Street View|Weekly Shot (15-19 giugno)

Da qualche giorno è possibile fare una passeggiata virtuale sul vulcano più alto d'Europa: l'Etna. Ne parliamo in apertura di Weekly Shot che questa settimana dedica inoltre uno spazio alle ultimissime novità provenienti da Facebook (con una nuova metrica che misura il tempo che si trascorre su un post) e da Twitter (con il nuovo progetto in fase di test dedicato agli eventi live). Buona lettura!

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_heading]

Questa settimana in evidenza su WMTools Weekly Shot:

[/mp_heading]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_text]

>> Google Street View arriva sulla cima dell’Etna

>> Hotel Ads: il formato pubblicitario che aumenta le conversioni degli hotel

>> Facebook: una nuova metrica misura il tempo che trascorri su un post

>> Un nuovo progetto di Twitter punta agli eventi live

______________________________________________________________________________________________________________

[/mp_text]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_heading]

>> Esplora i crateri dell’Etna con Google Street View

[/mp_heading]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_image id=”4993″ size=”full” link_type=”custom_url” link=”#” target=”false” align=”center”]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_text]

Google rende omaggio al vulcano più alto d’Europa (e uno tra i più attivi al mondo). Per celebrare il secondo anniversario dalla dichiarazione dell’Etna come patrimonio mondiale dell’Umanità dell’UNESCO è ora possibile esplorare il vulcano attraverso Google Street View. L’annuncio è di questa settimana: il team di Google ha raccolto suggestive immagini della “muntagna” attraverso uno zaino tecnologico munito di 15 fotocamere in grado di  rimandare una panoramica a 360° in orizzontale e 280° in verticale. Su Google Maps sarà così possibile passeggiare tra i Crateri Silvestri (a circa 2000 metri d’altezza) e i Crateri Silvani ( a 3000 metri) fino ad arrivare al Cratere centrale. A tutti gli appassionati di vulcani: buona escursione! 😉

_______________________________________________________________________________________________________________

[/mp_text]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_heading]

>> Come migliorare l’esperienza di ricerca hotel su Google

[/mp_heading]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_image id=”5002″ size=”full” link_type=”custom_url” link=”#” target=”false” align=”center”]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_text]

Google motiva gli inserzionisti gestori di alberghi parlando delle potenzialità di un formato pubblicitario dedicato proprio a loro. Si tratta di Hotel Ads, formato disponibile su AdWords, che nasce con l’intento di migliorare l’esperienza di viaggiatori ed albergatori nella ricerca di un hotel su Google. Sul Blog ufficiale di AdWords si legge un post dedicato ad Hotel Ads in cui Google dichiara il proprio obiettivo: quello di aiutare le strutture alberghiere a raggiungere e coinvolgere i viaggiatori, consentire a questi ultimi di trovare con maggiore facilità gli hotel online e comunicare tramite immagini e testo il motivo per cui un determinato hotel può rispondere perfettamente alle loro esigenze”. Google ha cambiato il modo in cui gli hotel appaiono nei risultati di ricerca aggiungendo informazioni utili come tariffe, disponibilità, recensioni degli ospiti, street view e foto. In quest’ambito nasce Hotel Ads che permette agli utenti di scegliere il proprio albergo preferito grazie a tante informazioni dettagliate, completando la transazione attraverso il bottone “Prenota”.

Approfondimento: In questo video è possibile vedere come Hotel Ads abbia contribuito al successo di uno dei suoi maggiori partner, la catena alberghiera Hilton (che utilizza il formato dal 2011):

[/mp_text]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_video src=”https://www.youtube.com/watch?v=OgpfDJ9lC3g”]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_row_inner]

[mp_span_inner col=”12″]

[mp_heading]

_______________________________________________________________________________________________________________

[/mp_heading]

[/mp_span_inner]

[/mp_row_inner]

[mp_row_inner]

[mp_span_inner col=”12″]

[mp_heading]

>> Facebook: sai quanto tempo trascorri su un post?

[/mp_heading]

[/mp_span_inner]

[/mp_row_inner]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_image id=”5016″ size=”full” link_type=”custom_url” link=”#” target=”false” align=”center”]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_row_inner]

[mp_span_inner col=”12″]

[mp_text]

I Like, i commenti e le condivisioni di un post su Facebook (o, al contrario, l’assenza di questo tipo di azioni su un post) forse non bastano a determinare l’interesse dell’utente nei confronti di quel determinato contenuto.  Pare proprio che il team del famoso Social Network sia giunto a questa conclusione ed abbia pensato quindi di aggiungere una nuova metrica per determinare in maniera più precisa i gusti degli utenti, migliorandone l’esperienza. L’algoritmo di Facebook infatti inizierà a misurare il tempo che l’utente trascorre su un post. Del resto chi lo dice che chi non mette un like o non condivide, non sia interessato ad un post? La nuova metrica permetterà di scoprire un po’ di più sugli interessi degli utenti attraverso il loro comportamento sul newsfeed (si terrà conto anche del tempo trascorso su un post in presenza di una connessione lenta) fornendo loro dei contenuti affini a quelli su cui si passa più tempo, escludendo gli altri.

_______________________________________________________________________________________________________________

[/mp_text]

[/mp_span_inner]

[/mp_row_inner]

[mp_row_inner]

[mp_span_inner col=”12″]

[mp_heading]

>> Project Lightning: il progetto di Twitter sugli eventi live

[/mp_heading]

[/mp_span_inner]

[/mp_row_inner]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_image id=”5025″ size=”full” link_type=”custom_url” link=”#” target=”false” align=”center”]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_row_inner]

[mp_span_inner col=”12″]

[mp_text]

Presto su Twitter un lampo illuminerà i più importanti eventi live. Di cosa parliamo? Di Project Lightning, il nuovo progetto di Twitter (ancora in fase di sperimentazione) che permetterà agli utenti di seguire alcuni eventi dal vivo in maniera dettagliata, grazie ad una serie di informazioni e contenuti multimediali correlati. Un’icona a forma di lampo porterà gli utenti di ad una lista di eventi (premiazioni, eventi culturali, breaking news, eventi sportivi, …). Scelto il proprio evento preferito si potrà accedere ad una serie di “tweet speciali” curati dal team: si tratterà di contenuti testuali, foto, video o dirette streaming su periscope che racconteranno ai follower cosa succede minuto per minuto. Gli eventi potranno essere seguiti grazie alla funzione “Follow” e sarà attiva la funzione “Embed” per siti e app.

>> Leggi l’approfondimento relativo a Project Lightning su The Next Web

_______________________________________________________________________________________________________________

[/mp_text]

[/mp_span_inner]

[/mp_row_inner]

[mp_row_inner]

[mp_span_inner col=”12″]

[mp_heading]

Buon Weekend dal Team di Madri Internet Marketing!

[/mp_heading]

[/mp_span_inner]

[/mp_row_inner]

[/mp_span]

[/mp_row]