Il web 3.0 è davvero realtà in Italia? Il caso Hoepli.

Mi è capitato di acquistare vari libri dal portale di e-commerce della Hoepli (ottima scelta di titoli, portale dalla discreta usabilità e prezzi competitivi). Tuttavia, se c’è qualche problema, non contate troppo sulla cortesia e sulla disponibilità degli addetti al loro servizio clienti: scarsa comunicatività (sono piuttosto bruschi, al limite dello sgarbato), non si firmano (quindi non sono tracciabili) e non brillano certo per attitudine commerciale.

Mi è capitato di annullare un ordine da oltre 60€ perchè non è stato riconosciuto uno sconto di meno di 3€ (proposto peraltro in maniera piuttosto sibillina in una newsletter).

Ovviamente le cifre non sono rilevanti, è importante vedere come una delle case editrici più attive nella vendita on line nel panorama web italiano abbia gestito un piccolo problema in fase di help desk.

L’operatore, invece di scusarsi per la promozione confusa e assicurarmi che avrebbe comunicato la cosa al loro marketing, confermando però che non poteva modificare i prezzi (cosa che mi avrebbe spinto comunque a finalizzare l’ordine), mi ha liquidato con poche parole: le due promozioni “non c’entrano nulla” una con l’altra e non è possibile cumulare i due sconti.

La newsletter con l'offerta che aveva promosso la venditaUn piccolo errore di gestione, si dirà , fatto da un operatore non molto cortese (ma probabilmente oberato di ordini da gestire), e dovuto anche al marketing, che ha scritto una comunicazione poco chiara.

Ma cosa succederà ora?
In Italia siamo davvero in un momento di passaggio al web 3.0 (come spera e si augura Enrico Madrigrano) o siamo ancora immersi fino al collo nel web 1.0?

Io ho l’impressione che la risposta sia… la seconda!

Mi dispiace per Luca Conti (FARE BUSINESS CON FACEBOOK), Lorenzo Toscano (SEO STRATEGY) e Claudia Zarabara (STRATEGIE DI WEB MARKETING PER IL SETTORE TURISTICO ALBERGHIERO). I loro libri però li comprerò lo stesso, anche se mi sa che mi toccherà passare in libreria 🙂

  1. Condividerò questo post così che tutti sappiano. Penso sia il minimo. Non tanto per i soldi, come hai detto, quanto piuttosto per una questione di principio.

    Ciao

  2. Ciao, concordo con tutto quello che hai detto riguardo alla Hoepli. Ma non pensare che solo il lato “internet” sia messo così male: anche quello “offline” è nella stessa situazione. Se vai a chiedere informazioni manco ti guardano quando ti parlano.

    Io ho dovuto annullare un ordine di circa 70€ con ritiro presso di loro perché dopo 3gg non avevano ancora processato il mio ordine ed io che pensavo che ritirandolo da loro avrei guadagnato del tempo. Ma visto che mi avevano fatto arrabbiare al telefono perché secondo loro è normale metterci 3gg per portare dei libri dal 4rto piano al -1, l’ho annullato e l’ho rifatto con consegna a domicilio (che era gratis in quel momento) e con pagamento tramite paypal. Praticamente per lo stesso ordine si sono trovati un minor guadagno di circa 7€. Fatti loro. La prossima volta staranno attenti.

    Sappi comunque che in hoepli “offline” ed “online” sono due strutture diverse che si fanno la guerra. In una telefonata un operatore mi ha detto “Si quelli dell’internet fanno queste cose…”. “Quelli dell’internet” ??? Ed io che pensavo di aver chiamato la stessa struttura.

    M.

  3. Mi sembra squallido prendere in prestito il termine Web 3.0 come pretesto per lamentarsi di Hoepli! Denunciare un disservizio in modo civile come hai fatto tu ci sta, ma cercare di inserirlo in un contesto di maturità generale del web in Italia mi sembra veramente inappropriato!! Se vuoi trattare di quest’ultimo argomento fallo seriamente e con contenuti attinenti al tema… questa e la mia opinione!

  4. Concordo con quanto detto sopra riguardo la mentalità 1.0.
    Per quanto riguarda i libri della Hoepli, ho assistito alla presentazione del libro di Luca Conti (FARE BUSINESS CON FACEBOOK) allo SMAU ed ho sfogliato la copia nel loro Stand.
    Non sono rimasto così tanto affascinato in quanto la maggior parte di questo genere di libri mi è sembrato di capire che non sono altro che un’agglomerato di tante informazioni prese da internet commentate dall’autore e viste secondo il suo punto di vista.
    Quindi ritengo interessanti solo come guide off-line a mio modesto parere, i seguenti libri: C# 2008 , al PHP6 ed all’agglomerato APACHE-MySQL-PHP6.

  5. D’accordo con tutti voi che avete scritto in precedenza, compreso con l’autrice dell’articolo. Ci si lamenti come si vuole…facendo esempi concreti!

    In ogni caso in Italia siamo sempre nel paleolitico per quanto riguarda il mondo Internet. Affermazione scontata, chiaro, ma osserviamo all’estero…in Francia, per es., al telegiornale serale delle ore 20.00 -quello piu’ seguito- si parla anche di Web e siti internet che hanno avuto iniziative interessanti, anche le piu’ semplici. Chiamasi Pubblicità gratuita….ma utile. L’Italia ha una libertà di stampa e comunicazione pari all’oscurità dell’ignoranza. Siamo fermi ai tempi del brigantaggio…

  6. 9 giorni fa, vsta l’urgenza che avevo, ho acquistato su hoepli.it un manuale di inglese perché risultava con disponibilità immediata. Oggi ancora risulta in ordine dal fornitore. Pertanto sarà la prima e l’ultima volta che utilizzerò hoepli.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.