Weekly Shot | 7 – 11 Luglio 2014

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie Seo & Web Marketing? Ogni venerdì su WMTools Weekly Shot trovi, in sintesi, alcune delle notizie più rilevanti del settore. Puoi segnalarci le notizie che ritieni più importanti scrivendole nei commenti.

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_heading margin=”none,none,none,none”]

Non vuoi perdere le ultime novità e le curiosità Web Marketing & SEO?

[/mp_heading]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_image id=”2888″ link=”#” target=”false” align=”center” margin=”none,none,none,none”]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_heading margin=”none,none,none,none”]

Su Weekly Shot, ogni venerdì, puoi leggere in pillole alcune delle notizie più rilevanti del settore.

[/mp_heading]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_heading margin=”none,none,none,none”]

Questa settimana in evidenza su WMTools Weekly Shot:

>> Matt Cutts: come cambia il modo di fare ricerche con la ricerca vocale?

>> Google aggiorna le linee guida per i Quality Raters

>> Le foto dell’autore spariscono dalla ricerca: è la fine dell’Authorship?

>> Studio: in che modo Google indicizza i tweet

 

>> Matt Cutts: come cambia la ricerca dopo l’avvento della ricerca locale

Ogni video di Matt Cutts è sempre accompagnato da molta curiosità (a volte terrore!) da parte della comunità SEO. Nell’ultimo video pubblicato su Youtube “How has query syntax changed since voice search has become more popular?” Cutts parla del modo in cui cambia la ricerca dopo l’arrivo della ricerca vocale, grazie al mobile. Il ragionamento di Cutts si concentra intorno all’idea che se la ricerca viene fatta con la voce allora si avrà la tendenza ad usare un linguaggio naturale. Di conseguenza Google sta monitorando il trend per cercare di migliorare la ricerca in termini di linguaggio naturale e per tentare di dare una risposta che, secondo le sue parole, dovrebbe assomigliare proprio ad una conversazione reale.

[/mp_heading]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_quote cite=”Matt Cutts” cite_url=”#” quote_content=”They’re less likely to use like search operators and keywords and that sort of thing. And that’s a general trend that we see. Google wants to do better at conversational search, and just giving your answers directly if you’re asking in some sort of a conversational mode.” margin=”none,none,none,none”]

[/mp_quote]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_row_inner]

[mp_span_inner col=”12″]

[mp_text margin=”none,none,none,none”]

Qui puoi vedere il video integrale con le considerazioni di Matt Cutts.

[/mp_text]

[/mp_span_inner]

[/mp_row_inner]

[mp_row_inner]

[mp_span_inner col=”12″]

[mp_video src=”https://www.youtube.com/watch?v=jcxyVADYQQM” margin=”none,none,none,none”]

[/mp_span_inner]

[/mp_row_inner]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_heading margin=”none,none,none,none”]

 

>> Google aggiorna le Linee guida per i Quality Raters

[/mp_heading]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_image id=”2892″ link=”#” target=”false” align=”left” margin=”none,none,none,none”]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_text margin=”none,none,none,none”]

Google ha appena riscritto, con notevoli variazioni, le Linee guida per i Quality Raters, il gruppo di esperti che lavora per testare e valutare la qualità dei risultati sul motore di ricerca.

Le nuove linee guida si focalizzano in particolare su alcuni aspetti chiave: l’affidabilità, la competenza e l’autorevolezza di un sito rispetto ad un determinato agomento, l’utilizzo di annunci pubblicitari e il design delle pagine. The Sem post riporta qui le principali novità relative alla nuova stesura.

[/mp_text]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_row_inner]

[mp_span_inner col=”12″]

[mp_heading margin=”none,none,none,none”]

>> Google elimina le foto dell’autore dai risultati di ricerca

[/mp_heading]

[/mp_span_inner]

[/mp_row_inner]

[mp_row_inner]

[mp_span_inner col=”12″]

[mp_image id=”2894″ link=”#” target=”false” align=”center” margin=”none,none,none,none”]

[/mp_span_inner]

[/mp_row_inner]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_text margin=”none,none,none,none”]

Google elimina le foto dell’autore dai risultati di ricerca: l’annuncio è di pochi giorni fa. Ma cosa cambia e cosa resta invariato? E’ vero, come sostengono molti siti web, che questo cambiamento segna la fine dell’authorship? Ecco cosa dovremmo sapere sull’argomento (secondo Cyrus Shepard).

[/mp_text]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_heading margin=”none,none,none,none”]

>> Social: uno Studio per spiegare come Google indicizza i Tweet

[/mp_heading]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_image id=”2896″ link=”#” target=”false” align=”left” margin=”none,none,none,none”]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_text margin=”none,none,none,none”]

Concludiamo segnalandoti un studio pubblicato due giorni fa, il 9 luglio, su Search Engine Land in un post di Greg Finn. Lo studio spiega (attraverso dati reali) perchè, quando e con quale frequenza, Google indicizza i tweet individuali. Qui puoi leggere il post di Finn e vedere i dati e i risultati della Ricerca sull’Official Twitter Indexation Study.

[/mp_text]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_text margin=”none,none,none,none”]

 

 

Buon Weekend dallo Staff di Madri Internet Marketing! 🙂

[/mp_text]

[/mp_span]

[/mp_row]