Lo scenario del Search Marketing in Italia

Marco Palminiello di Sems espone una ricerca sul Search Marketing fatta quest’anno.

La ricerca, affidata a OTO Research, contrariamente ad altre (ad esempio Forrester Resarch) include sia l’attività seo che il keyword advertising. I numeri di Forrester non includono il seo, ma parlano solo di keyword advertising. Questo perchè l’attività seo è più difficile da calcolare perchè magari chi la svolge si fa pagare anche in percentuale, sui risultati.

La ricerca è stata svolta tramite l’invio di una mail a 2000 responsabili aziendali, che fanno attività seo/sem. Delle mail inviate è stato ottenuto un campione di 216 persone (67 uomini e 33 donne) che lavorano nel settore (nominativi presi ad eventi come lo Iab).

La ricerca SEMS

La aziende che non hanno mai fatto search marketing, hanno intenzione di farlo, ma non sanno quando..
Da cosa cominceranno? dal seo (ottimizzazione, posizionamento), poi la link popularity e il keyword advertising.

Chi lavora nel Search marketing lavora a tutti e 3 questi aspetti.
attività seo 85%
link popularity 55%
link sponsorizzati 85%
altro 8%

Il criterio con cui scelgono con chi fare keyword advertising: sulla base di esperienze avute o perchè conoscono il brand

Investimenti sul search marketing: 53% sotto i 25.000 € l’anno. Investimenti bassi!

da 0 a 10.000 € 35%
da 10.000 a 25.000 € 18%
da 25.000 a 50.000 € 14%
da 50.000 a 100.000 10%

Il budget che le aziendano destinano al search marketing viene ripartito :
la maggior parte al keyword adv (48%) circa il 41% al seo e il 16% alla link popularity building

Il budget viene definito una volta all’anno (in genere a fine anno). Solo il 30% di aziende non ha limiti di budget, e quindi va a investire sulla base dei ritorni.

I motivi per i quali ci si avvicina al search marketing è per trovare nuovi clienti e aumentare visite al proprio sito. I motori di ricerca non sono visti per sviluppare brand awareness.

Come le aziende monitorano le attività di search marketing e misurano il Roi?
O con una piattaforma gratuita di web analysis (52%) o con strumenti interni (45%). Solo il 30% sceglie la piattaforma sulla base dei KPI che vuole misurare.

Le aziende vedono gli strumenti di analytics come un costo e non un investimento.
Nei prossimi 3 anni il 70% di queste aziende aumenterà gli investimenti. Il 2% investirà meno.

Chi riesce a monitorare bene il ROI ha capito che il Seo genera un Roi più alto rispetto al Keyword advertising.

No Comments

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.