Weekly Shot | 1 – 5 Dicembre

Vuoi conoscere le ultime novità provenienti dal settore Web Marketing & SEO prima del weekend? Anche questa settimana Weekly Shot pubblica una selezione in pillole di alcune delle notizie pubblicate sul Web durante l'ultima settimana. Questo venerdì pone l'attenzione sugli ultimi aggiornamenti annunciati da Twitter ma anche sulle novità presentate da AdWords. Buona lettura e buon weekend!

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_heading margin=”none,none,none,none”]

Vuoi tenerti aggiornato sulle novità Web Marketing & SEO?

[/mp_heading]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_image id=”3555″ size=”full” link_type=”custom_url” link=”#” target=”false” align=”center” margin=”none,none,none,none”]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_heading margin=”none,none,none,none”]

Su Weekly Shot puoi leggere in pillole alcune delle notizie del settore, le curiosità e gli studi pubblicati negli ultimi sette giorni.

[/mp_heading]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_heading margin=”none,none,none,none”]

Questa settimana in evidenza su WMTools Weekly Shot:

>> Twitter presenta le nuove funzionalità contro le molestie

>> Twitter controlla le App scaricate dagli utenti. Saranno tutti d’accordo?

>> AdWords Script integra nuovi servizi Google

>> Amazon Vs. Google Shopping in uno studio di RKG

>> Infografica: Il tuo sito è stato colpito da Panda o da Penguin?

____________________________________________________________________________________________________________________

[/mp_heading]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_heading margin=”none,none,none,none”]

>> Twitter potenzia le funzionalità contro molestie e profili fake

[/mp_heading]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_image id=”3564″ size=”full” link_type=”custom_url” link=”#” target=”false” align=”center” margin=”none,none,none,none”]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_row_inner]

[mp_span_inner col=”12″]

[mp_text margin=”none,none,none,none”]

Twitter ha appena lanciato nuove funzionalità che permettono agli utenti di segnalare, con maggiore immediatezza e in modo più specifico, gli abusi subiti o riscontrati sul social network. In un comunicato pubblicato sul Blog ufficiale, Twitter fa sapere di essere a lavoro su un servizio report sempre più articolato che fornisca informazioni dettagliate tutte le volte che un utente decide di bloccare qualcuno dal quale ha subito molestie o che pubblica contenuti non in linea con le regole del social. Cliccando su “Blocca” si avrà la possibilità di segnalare le molestie subite o perpetrate ai danni di terzi, gli account fake, i messaggi violenti ma anche i messaggi di coloro che minacciano il suicidio o gli spammer.

_____________________________________________________________________________________________________________________

[/mp_text]

[/mp_span_inner]

[/mp_row_inner]

[mp_row_inner]

[mp_span_inner col=”12″]

[mp_heading margin=”none,none,none,none”]

>> Twitter inizia a raccogliere informazioni sulle App scaricate

[/mp_heading]

[/mp_span_inner]

[/mp_row_inner]

[mp_row_inner]

[mp_span_inner col=”12″]

[mp_image id=”3568″ size=”full” link_type=”custom_url” link=”#” target=”false” align=”center” margin=”none,none,none,none”]

[/mp_span_inner]

[/mp_row_inner]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_row_inner]

[mp_span_inner col=”12″]

[mp_text margin=”none,none,none,none”]

Twitter ha iniziato a raccogliere informazioni relative alle app scaricate dagli utenti sui propri smartphone. Lo ha comunicato questa settimana attraverso un post pubblicato sul Centro assistenza ma anche tramite una notifica apparsa sulle app iOS e Android. Secondo Twitter l’operazione ha come finalità quella di migliorare l’esperienza utente. In che modo? Raccogliendo la lista delle app installate sul telefono al fine di offrire contenuti sempre più in linea con gli interessi di ciascun utente. La novità non è stata gradita da tutti, ma niente paura: in qualsiasi momento è possibile negare il consenso al tracciamento dei dati disattivando l’aggiornamento.

_____________________________________________________________________________________________________________________

[/mp_text]

[/mp_span_inner]

[/mp_row_inner]

[mp_row_inner]

[mp_span_inner col=”12″]

[mp_heading margin=”none,none,none,none”]

>> AdWords Script ora integra più servizi Google

[/mp_heading]

[/mp_span_inner]

[/mp_row_inner]

[mp_row_inner]

[mp_span_inner col=”12″]

[mp_image id=”3574″ size=”full” link_type=”custom_url” link=”#” target=”false” align=”center” margin=”none,none,none,none”]

[/mp_span_inner]

[/mp_row_inner]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_text margin=”none,none,none,none”]

Arriva una notizia di sicuro interesse per gli inserzionisti AdWords. Martedì scorso su Ads Developer Blog, Google comunica che AdWords Script inizia ad integrare sempre più servizi Google utilizzabili direttamente dagli script. Puoi leggerne l’elenco nella comunicazione ufficiale segnalata sopra. Qui trovi invece la guida per saperne di più sull’ultima integrazione “Advanced API”.

_____________________________________________________________________________________________________________________

[/mp_text]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_heading]

>> Amazon e Google Shopping a confronto in uno studio di RKG

[/mp_heading]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_image id=”3582″ size=”full” link_type=”custom_url” link=”#” target=”false” align=”center”]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_text]

In pieno clima da shopping natalizio RKG pubblica sul suo blog uno studio che mette a confronto Amazon con Google Shopping (con particolare attenzione verso gli annunci a pagamento pubblicati dal gigante Amazon) Qui puoi consultare tutti i dati e le considerazioni di RKG.

_____________________________________________________________________________________________________________________

[/mp_text]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_row_inner]

[mp_span_inner col=”12″]

[mp_heading]

>> Infografica: il tuo sito è stato colpito da Panda o da Penguin?

[/mp_heading]

[/mp_span_inner]

[/mp_row_inner]

[mp_row_inner]

[mp_span_inner col=”12″]

[mp_image id=”3586″ size=”full” link_type=”custom_url” link=”#” target=”false” align=”center”]

[/mp_span_inner]

[/mp_row_inner]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_row_inner]

[mp_span_inner col=”12″]

[mp_text]

In conclusione ti segnaliamo un’infografica realizzata da Janet Driscoll Miller; pubblicata su Search Engine Land; che potrebbe aiutarti a capire se il tuo sito è stato colpito dal temibile Panda o da Penguin dopo gli ultimi aggiornamenti che hanno messo in subbuglio il mondo SEO. Eccola:

[/mp_text]

[/mp_span_inner]

[/mp_row_inner]

[mp_row_inner]

[mp_span_inner col=”12″]

[mp_image id=”3588″ size=”full” link_type=”custom_url” link=”#” target=”false” align=”center”]

[/mp_span_inner]

[/mp_row_inner]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_text]

 

Buon Weekend dallo Staff di Madri Internet Marketing!

[/mp_text]

[/mp_span]

[/mp_row]