Come imparare a raggiungere i propri obiettivi da un coltivatore di Bambù

Il successo non arriva in una notte. Necessita di costanza, fiducia e perseveranza. Ma la maggior parte delle persone abbandona i propri obiettivi ancora prima di raggiungerli, forse per la frustrazione di non averli raggiunti subito. Ma sai chi detiene il "segreto" del successo? Il coltivatore di bambù! Scopri perchè in questo post tradotto per i lettori di WMTools.

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_row_inner]

[mp_span_inner col=”12″]

[mp_heading margin=”none,none,none,none”]

Ecco perchè dovresti chiedere ad un coltivatore di Bambù come si fa ad ottenere Successo

[/mp_heading]

[/mp_span_inner]

[/mp_row_inner]

[mp_row_inner]

[mp_span_inner col=”12″]

[mp_image id=”3649″ size=”full” link_type=”custom_url” link=”#” target=”false” align=”center” margin=”none,none,none,none”]

[/mp_span_inner]

[/mp_row_inner]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_text margin=”none,none,none,none”]

Il Bambù e’ una delle piante piu sorprendenti al mondo.

Infatti un unico stelo di bambù ha piu’ resistenza alla trazione che un cavo di acciaio dello stesso spessore! In Sud America viene definito “acciaio vegetale”. Una corda fatta con fibre di bambù puo’ diventare piu’ forte fino al 20 per cento quando e’ bagnata, al contrario della canapa che si indebolisce. E cresce. Velocemente.

Alcune specie della pianta possono crescere persino di tre piedi in 24 ore e superare perfino i 100 piedi d’altezza!

Articolo correlato (a proposito di crescita): Don’t Just Grow for Growth’s Sake, Have a Plan

E’ la pianta che cresce piu’ velocemente sulla terra. E’ usata per tutto: dalle costruzioni alla medicina, in cucina, nel tessile. Ma se domani dovessi piantare una manciata di semi di bambù nel terreno, resteresti tristemente deluso. Sai perche’?

Be’, c’e’ un ENORME problema che rende quasi impossibile alla maggior parte delle persone far crescere il bambù. E, cosa piuttosto strana, e’ probabilmente la stessa ragione per la quale il 99 per cento delle persone rinuncia prima ancora di aver raggiungo i propri obiettivi.

Stai facendo anche tu quest’errore?

[/mp_text]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_image id=”3650″ size=”full” link_type=”custom_url” link=”#” target=”false” align=”center” margin=”none,none,none,none”]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_row_inner]

[mp_span_inner col=”12″]

[mp_heading margin=”none,none,none,none”]

Il mito della Crescita in una notte

La maggior parte delle persone non sa che per i primi cinque anni della loro esistenza le piantine di bambù non rompono nemmeno il terreno. Sì, hai letto bene!

Anche con una cura e una manutenzione perfetta, non vedrai alcun progresso. Non sarai nemmeno sicuro che siano ancora vive li’ sotto.

Quest’aspetto pone un dilemma’ presenta ai futuri coltivatori di bambù. Non possono dissotterrare le piante per controllarle. Ma sono cosi’ stanchi di aspettare che la pianta germogli e l’ansia li sta uccidendo. Quindi cosa fanno? Dunque, i coltivatori di bambù di successo attendono pazientemente. Persino senza vedere segnali di crescita, annaffiano i loro semi.

Giorno dopo giorno. Anche se si scoraggiano. Anche quando son sicuri che sia inutile.

Poi, dopo cinque anni di lavoro e fiducia in qualcosa che non possono vedere, sono premiati con la miracolosa crescita “in una notte”. Alla fine della settimana infatti, il loro albero formalmente inesistente e’ piu’ alto di loro!

Ma, ovviamente, ci si pone la domanda: veramente tutta la crescita e’ avvenuta “in una notte”? Per un verso l’apparente risposta e’ Sì.

Se “cio’ che vedi e’ cio’ che hai,” allora tutta la crescita e’ avvenuta solo in pochi giorni.

Ma tutta quella crescita non sarebbe stata possibile senza il costante lavoro del giardiniere, giorno dopo giorno, nutrendo qualcosa che si stava ancora sviluppando, anche se invisibile. Senza la sua opera il bambù sarebbe morto nel terreno, senza neanche una possibilita’ di germogliare.

[/mp_heading]

[/mp_span_inner]

[/mp_row_inner]

[mp_row_inner]

[mp_span_inner col=”12″]

[mp_image id=”3651″ size=”full” link_type=”custom_url” link=”#” target=”false” align=”center” margin=”none,none,none,none”]

[/mp_span_inner]

[/mp_row_inner]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_heading margin=”none,none,none,none”]

Quante volte ti lasci morire nella terra?

Quante volte ti senti frustrato quando qualcosa che vuoi non accade immediatamente, o alla velocita’ a cui volevi che accadesse? Quando siamo frustrati e non vediamo i risultati sperati, e’ facile rinunciare.

Articolo correlato (a proposito del successo): Fashion Designer Tory Burch: ‘There Is No Such Thing as Overnight Success’

Proprio come il bambù non annaffiato, le tue ambizioni possono morire al suolo prima ancora che abbiano la possibilita’ di germogliare. E a volte ti viene da pensare…

Che differenza c’e’? Tanto non stavo facendo comunque progressi.” Ma ti sbagli.

Prima di tutto bisogna ridefinire cosa si intende per “progresso”. Il progresso non e’ sempre lineare e talvolta intraprendere un percorso non convenzionale per raggiungere il tuo obiettivo non rende possibile vedere ogni passo nella scala. Ma devi ancora continuare a muoverti.

La verita’ e’ che a volte devi lavorare su qualcosa a lungo e senza apparenti progressi prima di ottenere un successo, e a quel punto sembrera’ che sia successo tutto “in una notte”.

Se ti lasci trascinare giu’ dai pensieri negativi e non continui a svolgere le attivita’ quotidiane che nutrono i tuoi obiettivi, non ce la farai mai.

 Se smetti di fare piccoli costanti miglioramenti che si sommeranno facendo una grande differenza, non avrai niente a cui guardare indietro dopo cinque anni di lavoro. Se c’e’ una cosa da imparare dal bambù e’ che Pazienza + Perseveranza (per le giuste cause) = Crescita.

 Ricordarsi di tutto questo quotidianamente rendera’ piu’ semplice andare avanti, anche quando le cose si fanno difficili.

[/mp_heading]

[/mp_span]

[/mp_row]

[mp_row]

[mp_span col=”12″]

[mp_text margin=”none,none,none,none”]

 

Titolo originale del post “Why you should ask to a Bamboo farmer what it takes to succeed” scritto da Daniel Dipiazza, pubblicato su Entrepreneur il 4 dicembre 2014.

[/mp_text]

[/mp_span]

[/mp_row]