Anatomia di uno shop… Mediaworld

Ed ecco la terza ed ultima parte su Mediaworld: dopo la visibilità e l’accessibilità, parliamo ora di interfaccia.

Interfaccia del sito

Il sito è costituito da tre livelli. Le macro categorie merceologiche sono inserite nella barra principale di navigazione posta nella colonna sinistra. Il passaggio del mouse sopra una di queste macro categorie apre un menù a tendina che permette di visualizzare le sotto categorie. Un click successivo consente all’utente di accedere alla gamma di prodotto nel box centrale.
In basso, colonna sinistra, in posizione un po’ troppo nascosta, risiede il box di ricerca alternativa per marca e modello. Le barre superiori sono due. La prima contiene link di servizio: supporto ai clienti, contatti, carrello, ecc. (in questo caso esempio di buona progettazione, anche se si sarebbe ottenuto un effetto migliore attraverso l’uso di link più visibili, magari colorati, con icone e dotati di font più grandi). La seconda contiene un elenco di servizi a valore aggiunto offerti dal sito: stampa foto, vendita brani musicali, ecc..
Trovo quest’ultima barra, il mio è un parere del tutto personale, non ottimamente posizionata. Sembra quasi distogliere l’attenzione dell’utente dal suo obiettivo principale: l’acquisto di prodotti di elettronica di consumo. L’immagine che segue mostra le caratteristiche principali dell’interfaccia di navigazione di MediaWorld. La successiva una personalissima rielaborazione.

navigazione
Interfaccia del sito di E-Commerce di MediaWorld

navigazione alternativa
Interfaccia alternativa

Quanto alle macro categorie merceologiche, devo confessare di non essere riuscito ad individuare il loro criterio di ordinamento. Certamente non è alfabetico, né per settore merceologico. Forse sulla base del venduto? Sono spiacente, non ne ho idea!Veniamo ad uno degli errori più macroscopici che, a mio avviso, hanno compiuto i progettisti del sito: manca un campo di ricerca libera.
Questa è una grave limitazione per l’utente!Ho provato anche a selezionare uno dei link dei servizi a valore aggiunto: l’area sviluppo foto. Una volta entrati in quel sottosito non è più possibile, tramite il tasto back, ritornare all’area precedente.

Concludiamo con alcune considerazioni spicciole di accessibilità. I rullini in movimento, riprodotti in basso e in alto nel layout, contenenti link trasversali ai prodotti, utilizzano velocità di scorrimento troppo elevate. Ciò potrebbe causare difficoltà cognitive ad alcune tipologie di utenti svantaggiati. Una semplice soluzione? L’inserimento di un tasto che permetta di bloccare il loro scorrimento.

A questo punto i risultati della validazione del sito:
• L’Html non è ovviamente valido mancando il doctype.
• La validazione css non è stata possibile.
• I risultati dell’analisi di accessibilità della home page con WebXACT, livello A, vengono descritti nell’immagine che segue.

accessibilità

Conclusione
Il sito di E-Commerce di MediaWorld, spiace dirlo, presenta numerosi errori di progettazione sia in termini di Visibilità che di Usabilità ed Accessibilità.
I più macroscopici sono l’uso eccessivo di animazioni Flash, codice spesso scorretto e “pesante” e la mancanza di graceful degradation.
Queste mancanze penalizzano certamente l’utente ma anche la stessa MediaWorld: un sito costruito in maniera più accurata e rispettoso delle logiche del posizionamento, dell’usabilità e dell’accessibilità avrebbe certamente prodotto maggiori conversioni.
Vedi anche le altre due parti di questo articolo:

No Comments

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.