10 motivi per scegliere di sviluppare un’app mobile per la tua azienda

Da qualche anno il numero degli user mobile a livello globale supera il numero degli utenti da desktop. Molte aziende hanno di conseguenza iniziato ad usare canali mobile per fare branding e acquisire nuovi clienti. Anche tu hai un'azienda, un budget limitato e non sai se sviluppare un sito mobile o un'app? In questo post puoi leggere 10 buoni motivi per cui scegliere di creare un'app mobile aziendale.

E così l’era dei dispositivi mobile è arrivata!

Oggi, a livello globale, il numero degli utenti mobile supera il numero degli utenti da desktop.

Di conseguenza le aziende hanno capito l’importanza di utilizzare i canali mobile in modo efficace per attirare clienti. Hanno intrapreso nuove strade (o hanno rivisto quelle esistenti) attraverso l’uso di siti web e app mobile.

Mentre alcune aziende, avendo a disposizione budget importanti, possono permettersi di sviluppare e utilizzare sia siti che app mobile, delle altre devono scegliere tra uno di questi. La scelta tra app e sito dipende dal loro costo, dall’usabilità, dagli obiettivi, dalle caratteristiche richieste e dal pubblico a cui si rivolgono.

Detto questo, alcuni studi mostrano che gli utenti preferiscono le app mobile ai siti. Questo dato dovrebbe spingere le aziende a valutare la possibilità di creare una propria app mobile per raggiungere potenziali clienti.

Ci sono poi altre ragioni che potrebbero spingere un’azienda a scegliere un’app rispetto al sito mobile. In questo post ne elenco dieci.

Attenzione: l’intenzione di questo post non e’ quella di stabilire che un’app sia la migliore alternativa al sito mobile. Mi propongo semplicemente di evidenziare le aree nelle quali le app possono offrire un valore aggiunto rispetto ai siti utilizzati dalle aziende.

1) Le app mobile offrono una migliore personalizzazione

La personalizzazione consiste nell’offrire una comunicazione su misura agli utenti in base ai loro interessi, alla posizione, al comportamento d’uso, e altro ancora. La personalizzazione è un punto cruciale al fine di rendere ottimane l’esperienza utente. Grazie alle app è facile offrire un’esperienza personalizzata, dato che consentono agli utenti di impostare le loro preferenze in partenza, preferenze in base alle quali possono essere loro offerti contenuti personalizzati.

Le app sono utili anche per monitorare e osservare l’engagement degli utenti ed usare questo dato per offrire consigli personalizzati e aggiornamenti. Inoltre possono identificare in tempo reale la posizione degli user e fornire contenuti geografici specifici.

Tuttavia, migliorare l’esperienza utente non è l’unico scopo che la personalizzazione persegue. Può anche contribuire a migliorare il conversion rate delle app: quando gli utenti vengono coccolati con contenuti personalizzati, hanno una maggiore probabilità di convertire.

2) Facilità di invio delle notifiche

notifiche delle app per comunicare con i clienti

Da più di un decennio l’e-mail è lo strumento di comunicazione aziendale più diffuso. Le aziende hanno ampliamente utilizzato la posta elettronica (alcune ne hanno abusato) per raggiungere i propri clienti. Di conseguenza, in alcuni casi, l’e-mail ha perso l’efficacia di un tempo: i suoi tassi di apertura e tassi di click sono scesi costantemente.

Beh, non e’ il caso di preoccuparsi. Arrivano in aiuto le notifiche delle app!

 

Le notifiche son di due tipi; notifiche push e in-app. Sono entrambe alternative interessanti per comunicare con i propri clienti in modo molto meno intrusivo. La possibilità di inviare notifiche istantanee e discrete agli utenti è tanto ambita da rappresentare uno dei principali motivi per cui molte aziende vogliono avere una propria app mobile.

Le notifiche in-app sono notifiche che gli utenti possono ricevere solo quando hanno l’app aperta. Invece le notifiche push sono quelle che gli utenti possono ricevere indipendentemente dall’attivita’ che stanno svolgendo sul loro dispositivo. Ci sono stati casi in cui la media del click throug rate per le notifiche push ha raggiunto il 40%. Inutile dire che è importante pianificare la tua campagna notifiche con giudizio. Ecco la lista delle best practice da seguire per iniziare.

Nota: Ci sono servizi di terze parti che offrono notifiche push anche ai siti web mobile. Tuttavia, questo tipo di servizi sono in fase nascente e hanno ancora alcune limitazioni (alcuni funzionano soltanto su browser specifici, e non sono disponibili per tutti i tipi di siti web). Ad ogni modo, le aziende non soggette a particolari limitazioni possono scegliere tra diversi fornitori. PushCrew, ad esempio, e’ uno dei nuovi fornitori di servizi che consente ai siti di inviare notifiche push su desktop e mobile.

3) Sfruttare le funzioni dei dispositivi mobili

Le app mobile hanno il vantaggio di poter utilizzare vari elementi di un dispositivo mobile come, fotocamera, lista contatti, GPS, chiamate telefoniche, accelerometro, bussola ecc.

Tali funzionalita’, quando utilizzate all’interno di un’app, possono rendere l’esperienza utente interattiva e divertente. Inoltre, queste funzioni possono anche ridurre gli sforzi che gli utenti potrebbero fare compiendo una determinata azione su un sito web. Ad esempio, se compili un modulo sull’app di una banca potresti aver bisogno di inviare delle immagini per il completamento del processo. L’applicazione può consentire di sfruttare la fotocamera del dispositivo mobile per catturare e inviare una fotografia immediatamente e senza fatica.

Le funzionalita’ di un dispositivo possono accorciare in maniera significativa il tempo che l’utente impiega a svolgere una determinata azione su un’app e possono anche aumentare le conversioni.

Nota: Anche i siti web mobile possono sfruttare alcune delle funzioni di un dispositivo mobile come la fotocamera e il GPS, eppure qui ci sono vincoli tecnologici nell’utilizzo di tutte le caratteristiche multimediali di un dispositivo che le applicazioni mobile invece non hanno.

4) Possibilità di lavorare offline

Questa è probabilmente la differenza fondamentale tra un sito e un’app mobile.

Anche le app possono richiedere un collegamento ad internet per svolgere molte delle loro funzioni, tuttavia queste possono offrire agli utenti anche dei contenuti e delle funzionalita’ di base nella modalita’ offline. Prendiamo ancora l’esempio delle banking app.

Questo tipo di app puo’ fornire alcuni strumenti come il calcolo delle imposte, il calcolo delle rate e la determinazione del limite di prestito. Questi servizi possono funzionare anche senza connessione internet.

Nota: Anche se i siti mobile possono sfruttare il caching per caricare le pagine web senza il supporto della connessione  internet, ancora non sono in grado di offrire funzionalita’ e strumenti complessi.

5) Libertà di progettazione

design-app-mobile

Nonostante i progressi tecnologici raggiunti nella progettazione web, i siti web mobile devono contare sui browser per svolgere anche le funzioni più elementari. I siti mobile dipendono da funzioni del browser quali ‘pulsante back’ ‘pulsante refresh’ e ‘barra degli indirizzi’ per poter lavorare bene.

Le app mobile non hanno alcuna di queste restrizioni.

Un’app mobile puo’ essere progettata con molte funzioni elaborate, basate su azioni avanzate come ‘tap,’ ‘swipe’ ‘drag’ ‘pinch’ ‘hold’ e altro ancora. Può usare queste azioni per offrire funzionalita’ innovative che possono aiutare gli utenti a svolgere meglio e più velocemente un’azione.

6) Una nuova branding experience

Dal momento che un’app mobile è cosa distinta dal sito web di un’azienda, ha la liberta’ di offrire una nuova branding experience agli user. Cio’ significa che l’azienda puo’ sperimentare un nuovo stile per l’app, che può differire dallo stile del brand presente sul sito web principale (o in tutta l’azienda).

Facendo un ulteriore passo avanti, le aziende possono creare un’app proprio come mezzo di transizione verso uno stile del brand completamente nuovo. Inoltre, un’app mobile  può anche permettere agli utenti di personalizzarne in prima persona l’aspetto, in base ai propri gusti.

Nota: Il concetto di microsito funziona in modo simile. I micrositi offrono agli utenti una brand experience distinta rispetto al sito principale. Sono spesso utilizzati per promuovere un sub-brand, un evento, o un servizio appena lanciato. Ecco un post correlato: A Cheat Sheet on Using Microsites To Build Traffic

7) Gli utenti passano più tempo sulle app

Gli user mobile passano l’86% del loro tempo sulle app e solo il 14% sui siti mobile.

percentuale utenti mobile app

Il tempo medio trascorso dagli utenti sulle app sta crescendo, con un aumento del 21% nel 2015 già dal 2014. Un punto da sottolineare: le persone passano gran parte del loro tempo sulle app social e giochi. Non sappiamo invece quali tipi di siti mobile gli utenti visitano più spesso, quindi è difficile fare una comparazione esatta.

8) Un nuovo flusso di conversioni

Se state cercando di aumentare le conversioni, le app mobile potrebbero essere un ottimo strumento per spingere gli user in fondo al funnel. Le app mobile possono essere usate per acquisire sia user top-of-the-funnel che user bottom-of-the-funnel.

Ad esempio le utility app possono portare utenti TOTF che in seguito possono diventare lead BOTF. D’altra parte, app come ad esempio gli eCommerce già hanno utenti BOTF con una maggiore possibilità di convertire.

9) Favorire la Brand Presence

Gli utenti passano tanto tempo sui dispositivi mobili. Possiamo affermare che in molti aprono le app che hanno installato sui loro dispositivi quasi quotidianamente. Questo appuntamento regolare puo’ essere visto per le app come un branding exercise. Anche quando gli utenti non utilizzano attivamente un’app, viene comunque ricordato loro il marchio che vi è associato. L’icona dell’app agisce come un mini-pubblicità per il marchio. La presenza di un’app sul dispositivo aiuta inconsciamente l’utente a percepire la presenza di un brand.

Questo comportamento puo’ essere collegato alla Signal Detection Theory, che suggerisce che, ad un certo livello della loro mente, le persone elaborano anche quegli annunci che hanno ignorato.

Post correlato: Why Banner Blindness Shouldn’t Scare You

10) Le app funzionano più velocemente dei siti

Un’app ben progettata puo’ svolgere molte azioni più velocemente di un sito mobile.

Le app solitamente salvano i loro dati localmente sui dispositivi mobili, al contrario i siti utilizzano i server. Per questo motivo il recupero dei dati avviene piu’ velocemente attraverso le app. Queste possono far risparmiare altro tempo salvando le preferenze ed usandole per intraprendere, di propria iniziativa, azioni al posto dell’utente.

C’e’ una giustificazione ancora piu’ tecnica sul perche’ le applicazioni funzionano piu’ velocemente. I siti mobile usano codici javascript per svolgere gran parte delle loro funzioni. I framework che usano le app funzionano quasi cinque volte piu’ velocemente di un codice javascript! L’utente riesce così a completare le azioni molto più velocemente godendosi un’esperienza utente più soddisfacente.

App Mobile Vs. Siti Mobile: cosa scegliere?

Se decidi di sviluppare sia un sito che una app per la tua azienda, la faccenda potrebbe rivelarsi abbastanza costosa. Potrebbe essere necessario scegliere uno dei due canali, a seconda del tuo budget e dei tuoi obiettivi. Entrambi i canali hanno i loro pro e contro ma soprattutto le app possono aiutarti ad ottenere conversioni piu’ alte. Le app mobile sono in grado di offrire una maggiore personalizzazione ed efficienza operativa, unitamente a molteplici altre caratteristiche esclusive.

 

 

Titolo originale del post “10 Reasons Mobile Apps are better than Mobile Websites” di Nitin Deshdeep

No Comments

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.