Mister seo

Seo è l’acronimo di search engine optimization, significa ottimizzazione sui motori di ricerca.
Chi si occupa di seo ha il compito di fornire servizi utili ai titolari di siti web; i principali compiti dei professionisti dei motori di ricerca sono:

  • Dare consigli utili sull’architettura del sito
  • Migliorare il posizionamento organico
  • Organizzare i contenuti
  • Incrementare la popolarità del sito
  • Tutelare il sito
  • Monitorare i risultati svolgendo azioni di web analytics
  • Sei compiti dunque, con l’obbiettivo comune di fornire visibilità e profilare il traffico di chi desidera fare business sul web.

    Dare consigli sull’architettura del sito

    L’architettura del sito da posizionare riveste un’importanza basilare in qualunque progetto seo, grazie ad essa è possibile organizzare tutte le “componeneti” del sito in modo tale che non vengano poste barriere tra il sito e gli spider dei motori di ricerca e gli utenti.
    Il seo in questa delicata fase del progetto, cerca di organizzare in base alle sue conoscenze, menu, sezioni, aree, form, la disposizione dei contenuti; coniugando le esigenze dell’editore e di chi visiterà il sito, sia esso un spider oppure un navigatore.
    Solamente un seo con una maturata esperienza riesce a svolgere bene questo compito; riuscire a capire qual’è l’interazione ottimale tra il navigatore e il sito oppure tra gli spider e il sito, è possibile dopo anni di duro lavoro.
    L’ architettura seo ottimale è quella che in pochi click consente all’utente finale di raggiungere l’obiettivo desiderato e ai motori di ricerca di trovare in maniera naturale tutte le informazioni possibili.
    L’architettura di un sito, influisce pesantemente sui risultati di un progetto internet è sempre meglio dunque affidarsi a un seo in grado di soddisfare le esigenze viste sopra, egli ha comunque anche conoscenze a livello server, connessioni alla rete internet, database.

    Migliorare il posizionamento organico

    Recenti studi hanno indicato che le persone cliccano con maggiore propensione sui risultati organici dei motori di ricerca rispetto a quanti lo fanno sugli annunci sponsorizzati – PPC.
    Avere un buon posizionamento organico o naturale significa appararire nella prima pagina dei risultati dei motori di ricerca con parole chiave attinenti al core business del sito.
    Il seo ha le conoscenze per farlo; egli sa bene quanto sia importante fare trovare un sito al posto giusto nel momento in cui un navigatore sta cercando un prodotto oppure un servizio.
    Fare avere un buon posizionamento organico sui motori di ricerca, per il professionista seo è una conseguenza diretta della progettazione dell’architettura vista poco sopra, unitamente allo studio delle parole chiavi più importanti per l’attivita del web site oggetto del progetto.

    Ottimizzare i contenuti

    Per garantire traffico e risultati ad un sito internet è necessario avere contenuti con parole chiavi pertinenti che facciano trovare il sito nei motori di ricerca.
    In contenuti convincenti sono importanti, l’obiettivo di un seo è anche di fare in modo che il sito traformi i visitatori in clienti, indipendentemente dal fatto che si vendano prodotti, merci oppure si forniscano servizi.
    Il seo deve saper scrivere oppure dispensare consigli per come i contenuti devono essere creati in modo da convincere i visitatori.
    La semplice elencazione non basta ! Egli sa come concentrarsi sui vantaggi per il cliente e come comunicarli chiaramente.
    Il seo sa come ottimizzare i contenuti, c’è infatti modo e modo per scrivere per gli spider dei motori di ricerca; egli inoltre appena avrà individuato i termini che offrono i migliori risultati, saprà come utilizzarli per opportune strategie di linking, tra le pagine del sito.

    Incrementare la popolarità

    I motori di ricerca e in particolar modo Google determinano la popolarità di un sito analizzando la quantità di links esterni che puntano ad un sito.
    Il seo ricerca soluzioni opportune al fine di accrescere la popolarità dei siti che egli cura; fino a poco tempo fa uno dei metodi più funzionali era di scambiarsi i links con i siti curati dai colleghi.
    Questo sistema è stato recentemente sostituito da altri, in quanto lo scambio diretto e indiretto di links non produce più gli stessi risultati di un tempo.
    Oggi il seo, incrementa la popolarità utilizzando strumenti quali l’article marketing, divulgando comunicati stampa oppure scrivendo articoli strategici ( linkbaiting ) in grado di suscitare un interesse tale per cui questi vengono linkati spontaneamente da altri siti che molto spesso trattano di argomenti a tema con il sito.

    Tutelare il sito

    Il seo sa bene quali sono le regole che “governano” i motori di ricerca, la consulenza del professionista della search engine optimization mette al riparo un sito da qualunque strategia negativa, attuata anche inconsapevolmente al suo interno.
    Redirect, cloaking, campagne di link exchange – potrebbero essere state ordite da un web master smanettone senza che l’editore del sito ne sia stato messo a conoscenza; questi sistemi potrebbero portare al ban del sito oppure a fortissime penalizzazioni.
    Avvalendosi della collaborazione del seo verranno minimizzati tutti questi pericoli.
    La sua consulenza in fatto di “tutela” spesso si estende anche in azioni di gestione e controllo della reputazione on line; egli controlla su internet la reputazione del marchio e dell’azienda proprietari del sito, tutti elementi da non trascurare in quanto potrebbero diventare negativi per l’immagine dell’azienda e del sito stesso.

    Monitorare i risultati svolgendo azioni di web analytics

    La web analytics misura il comportamento dei visitatori di un sito web; il seo utilizza i due principali metodi teconologici per raccogliere i dati di analytics.
    Essi sono: l’analisi attraverso logfile oppure sempre più spesso utilizzando strumenti professionali sviluppati da terze parti.
    I risultati dell’analisi svolta dal seo, consentirà all’editore del sito di capire se esso sta rispondendo agli obiettivi prefissati, sapere chi realmente lo visita, quali sono le parole chiavi più utilizzate o meglio ancora più importanti perchè sono quelle che producono le azioni prefissate, quali: acquisto, compilazione form, iscrizioni alla newsletter…

    Scritto da Fabio Dell’Orto

    No Comments

    Leave a Comment

    Your email address will not be published. Required fields are marked with *.