Bentornato Virgilio

Virgilio è stato uno dei primi portali italiani, se non addirittura quello più riuscito.
La sua semplicità ma soprattutto una grafica molto chiara e distinguibile, ne fecero a suo tempo un punto di riferimento forte fra gli utenti internet italiani. Tanto che molti dicevano mi collego a Virgilio, anzichè mi collego a Internet (un po’ come succede ora per Google).

Poi arrivo’ Alice.. e dopo qualche mese di doppio nome, tolse colori e logo dal portale, abbandonando l’arancione in cambio di un azzurro molto rassicurante.

Gli amanti del webmarketing ne hanno pianto la scomparsa, sottolineando che forse fosse un errore in termini di marketing rinunciare a un brand già affermato. E anche una grafica che poteva essere un po’ vecchia, oramai stava diventando patrimonio affettivo della sua community.

Oggi mi arriva un sms che mi annuncia “Virgilio è tornato“. Hanno fatto marcia indietro! penso.. e così mi collego. In effetti il nome è tornato e sul portale c’è pure una simpatica campagna pubblicitaria nell’header che ironizza sul nome (che si vede solo la prima volta che carichi la pagina).

Ma manca quello che a parer mio era il vero elemento di successo: l’arancione.
Inoltre anche il font del logo che era molto riconoscibile.

vecchio logo virgilio  logo nuovo virgilio
Non so quali logiche ci siano dietro alla scelta: forse la campagna “rivogliamo virgilio” che ho visto su diversi siti e portali?

Ma sono curiosa.. non resta che aspettare.

5 Comments

  1. “La sua semplicità ma soprattutto una grafica molto chiara e distinguibile, ne fecero a suo tempo un punto di riferimento forte fra gli utenti internet italiani”

    è una tua opinione o all’epoca era stata fatta una ricerca di mercato in proposito ?

    io ho l’impressione che il successo fosse dovuto al fatto che era l’unico portale disponibile in italiano

  2. è una mia opinione.

    in parte credo tu abbia ragione, non c’erano molte alternative, ma conosco molti professionisti del settore che rimpiangono quella grafica e quei colori.
    (non a caso la campagna banner “ridateci virgilio”).

    se poi sia dovuto più a fattori emotivi che a fattori di una giusta comunicazione.. non sta a me dirlo.

    il fatto che pero’ abbiano recuperato il nome, chissà forse qualcuno in Alice avrà fatto ricerche di mercato.

  3. umh… apparte il fatto che è quasi cambiato solo il nome….

    Ma quanti soldi erano stati spesi tra fernanda lessa, valentino rossi, pubblicità cartacee in tv in radio… per far conoscere sta benedetta alice e tutti i servizi online.

    E ora che finalmente era sulla bocca di tutti, era diventato un marchio… hanno cambiato???

    Mi piacerebbe sapere quali dati hanno giustificato questa scelta!

Leave a Comment Cancel reply

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.